Subscribe By RSS or Email

Residenza 2016

 

Nome progetto Residenza Multidisciplinare della Bassa Sabina
Ambito di intervento Residenza artistica a carattere multidisciplinare nei comuni di Casperia, Montopoli Sabina, Poggio Mirteto e Salisano (Prov. RIETI)
Denominazione Soggetto Beneficiario Associazione Culturale Compagnia il Melograno [ovvero] Teatro delle Condizioni Avverse
Eventuali partner Comune di Montopoli Sabina, Comune di Poggio Mirteto, Comune di Salisano e Comune di Casperia (Prov. Rieti).
Associazione Culturale La Casa della Locusta e Associazione Giovanile Hic&Tunc.
Residenze Interregionali: Teatri Associati di Napoli (Campania) , Teatro delle Forche di Massafra (Taranto- Puglia).
Descrizione sintetica dell’iniziativa
Contenuti: Il nostro progetto prevede 3 residenze con attività da sviluppare in 4 comuni diversi per facilitare lo sviluppo e il consolidamento dello spettacolo dal vivo nel territorio, favorendo la coesione tra i cittadini di diversa estrazione sociale. A tal fine saranno organizzati incontri nelle scuole, con i disabili, incontri con gli anziani e con i rifugiati, momenti di restituzione del lavoro svolto e occasioni di dibattito con gli artisti. Sono previsti dei momenti distinti per i rapporti interregionali, con incontri tra diverse residenze, favorendo in questo modo il confronto tra le professionalità artistiche coinvolte e la formazione di una rete di collaborazione interregionale che possa essere solida, sostenibile e non episodica. La Residenza infatti si sviluppa in: conoscenza del territorio attraverso una partecipazione della cittadinanza e coinvolgimento; Rapporto e formazione del pubblico con incontri laboratoriali e prove aperte rivolte alla cittadinanza; Offerta artistica e tutoraggio, per la qualità delle scelte artistiche e dei progetti artistici presentati che saranno affiancati da tutor esperti del settore, oltre ai quali un tutor amministrativo Elisa Maurizi, un tutor tecnico Andrea Maurizi e un tutor artistico Maurizio Panici; Multidisciplinarietà, attraverso una variegata offerta che va dalla danza al teatro,  dal circo al teatro di figura.
Modalità di realizzazione:Il nostro progetto residenziale mira a dare la possibilità a 3 gruppi artistici under 35 ognuna operante in un ambito artistico diverso di elaborare un’opera e alla comunità di assistere a questo percorso creativo. Le tre compagnie sono: la compagnia di circo-teatro Teatro Alchemico di Rieti, la compagnia di teatro danza Con.Cor.Da di Roma e la compagnia Lidia Di Girolamo-Diletta Brancatelli- Artisti singoli associati. Per tutti i percorsi di residenza sono previsti momenti di restituzione del lavoro svolto sotto forma di prove aperte, laboratori e dibattiti rivolti a bambini e ragazzi, agli utenti dei centri diurni, della casa di riposo e del centro di accoglienza per rifugiati e richiedenti asilo, per valorizzare la genesi degli spettacoli proposti e mostrare alla popolazione più giovane e ad una fascia di utenti difficilmente raggiungibile, una modalità di lavoro costruttiva e stimolante che li avvicini al mondo dell’arte. Al termine del percorso le compagnie e gli attori porteranno in scena il loro spettacolo per tutta la popolazione, in questo modo si favorirà la consapevolezza del legame tra la produzione artistica ed il patrimonio culturale del territorio in cui l’opera è prodotta. Inoltre la restituzione al territorio è utile per favorire l’incremento della funzione dello spettacolo dal vivo anche come aggregatore sociale.Due Compagnie avranno la possibilità di mostrare il lavoro svolto, al termine dei 20 giorni di residenza presso alcune delle residenze partner: Il Teatro delle Forche (Puglia) e Teatri Associati Napoli (Campania)
Risultati (previsti /raggiunti):Questa nuova edizione delle Residenze Multidisciplinari della Bassa Sabina mira ad avvicinare il pubblico a forme d’arte quali la danza e il teatro danza che fino ad ora hanno avuto un posto marginale nella programmazione, perché ritenute di difficile comprensione dai fruitori stessi. In questi anni abbiano lavorato per avvicinare lentamente il pubblico a questo tipo di arte ed ora riteniamo che il nostro territorio sia pronto per fruire cospicuamente delle arti performative di questo tipo. Vogliamo inoltre presentare un’esperienza di circo teatro poiché il circo che il nostro pubblico conosce si limita alle esperienza dei circhi itineranti, abbiamo per cui scelto una compagnia che utilizza il linguaggio circense all’interno di una narrazione articolata.